assicurazione autocarro

Assicurazione per autocarro

La polizza di assicurazione autocarro è un contratto di protezione del veicolo commerciale e industriale, contro una vasta serie di rischi quotidiani, che potrebbero turbare la serenità della clientela della compagnia assicurativa durante l’ordinario svolgimento della propria vita quotidiana professionale, e proteggendo di conseguenza il patrimonio personale o aziendale dalle richieste di risarcimento altrui, e non solo.

La polizza di assicurazione autocarro è pertanto quel contratto assicurativo – disponibile in tutte le compagnie italiane – che permetterà al cliente di potersi tutelare alla guida degli autocarri commerciali di proprietà, entro i limiti e i massimali concordati all’interno delle condizioni della polizza in questione. Il contratto di assicurazione autocarro è pertanto una protezione molto utile per coloro che desiderino proteggersi durante gli spostamenti in città e – soprattutto – fuori città, per tragitti lunghi, che potrebbero potenzialmente moltiplicare la frequenza dei rischi assicurativi.

Così come qualsiasi contratto assicurativo sui veicoli su strada, anche il contratto di assicurazione autocarro permetterà al cliente di tutelarsi, principalmente, sulla responsabilità civile verso terzi: questa copertura prevede che alle richieste di risarcimento dei danni involontariamente provocati dalla conduzione dell’autocarro da parte del cliente, risponderà non più il patrimonio del soggetto assicurato, quando il patrimonio della stessa compagnia assicurativa. La copertura in previsione agirà nei termini contrattuali, entro i massimali che il cliente della società di tutela avrà modo di concordare all’interno della fase precontrattuale.

Oltre al corpo fondamentale della polizza dell’assicurazione autocarro, rappresentata appunto dalla responsabilità civile, il cliente della compagnia assicurativa potrà altresì richiedere di integrare la polizza con una serie di opzioni aggiuntive, come ad esempio il furto o l’incendio dei mezzi e dei contenuti, o altri rischi che potrebbero coinvolgere la vita aziendale.

Per quanto riguarda la già ricordata fase precontrattuale, particolare attenzione dovrebbe essere riposta nella selezione delle forme di assicurazione e di assistenza. Sebbene, infatti, i principali termini contrattuali della polizza di assicurazione autocarro possano essere comunque modificabili in un secondo momento (il contratto potrà in tal modo modellarsi e rendersi flessibile sulla base delle mutate esigenze aziendali e professionali), è sempre bene poter stabilire fin dal primo giorno di assicurazione quali siano le più specifiche e adatte forme di protezione, al fine di non correre inutili rischi non protetti da apposite clausole.

È pertanto molto funzionale – in particolar modo per un’assicurazione autocarro, sicuramente meno comune delle tradizionali rc auto – farsi assistere da un consulente della compagnia assicurativa, che potrà certamente indicare al proprio utente quali sono le esclusioni previste dalle condizioni contrattuali, e quali sono le principali caratteristiche operative della polizza.

Ancora, occorre riporre particolare attenzione all’individuazione delle forme di assistenza comprese all’interno del contratto di assicurazione autocarro. Su tutte, ci pare il caso di sottolineare l’importanza della previsione di mezzi di soccorso adeguati in caso di incidente: previsione che sembra ancor più importante nel caso di trasporto di prodotti urgenti, con la possibilità di poter prevedere delle opzioni sostitutive particolarmente importanti per ridurre i pregiudizi sul patrimonio aziendale.

Altrettanto importante ci pare essere anche la potenziale previsione di un veicolo commerciale e industriale sostitutivo all’autocarro oggetto di furto o oggetto di incidente: una copertura assicurativa che potrà certamente costituire grande utilità per poter garantire la massima continuità alle operazioni aziendali.

Infine, sempre bene riporre la massima attenzione sulle assicurazioni transfrontaliere: considerato che gli autocarri possono essere utilizzati per trasporti su lunghi tragitti, e anche per consegne o spostamenti al di fuori dei confini nazionali, o dei confini comunitari, è meglio precisare con puntualità, fin dalla consulenza precontrattuale, quali siano i limiti delle estensioni territoriali della polizza, richiedendo eventuali inclusioni specifiche dinanzi ad altrettanto specifiche necessità di tutela.

Fonte: CisBroker Milano, consulente ed intermediario assicurativo professionale