giochi

Giochi, il mercato italiano toccherà i 90 miliardi di euro di fatturato a fine anno

Il gambling è il nuovo pilastro dell’economia nazionale e internazionale. Su questo ormai nessuno ha più dubbi. D’altronde, davanti a certi dati e numeri, è davvero impossibile. Infatti, a fine 2016, in Italia il mercato del gioco d’azzardo toccherà i 90 miliardi di euro di fatturato. Stiamo parlando di un settore che sembra non conoscere crisi e difficoltà. Il bacino d’utenza è in continua crescita ed espansione e in gran parte questo è dovuto al ruolo di internet e in generale della tecnologia. E questo perché non va nemmeno sottovalutato il ruolo del gambling mobile, utilizzabile tramite smartphone, tablet e altri device. Insomma, ci sono due mondi nemmeno tanto diversi che si incontrano e si intersecano. E questo incrocio in maniera pressoché perfetta.

La suddivisione del mercato dei giochi pubblici

A fare da traino inizialmente erano le scommesse sportive e il poker. Con il passare del tempo, c’è stato però un vero e proprio boom delle slot machine. Le slot machine rappresentano il 56% del mercato dei giochi pubblici. La percentuale è davvero molto elevata e spiega l’appeal e il fascino che esercitano queste macchinette. A colpire è anche il vantaggio sulla seconda posizione, occupata dai giochi online, che toccano il 16%. Ma anche nella rete a dominare sono sempre e solo loro. Infatti le slot machine costituiscono la tipologia di gioco gratuito più ricercata su internet. A seguire la roulette, il video poker e il blackjack. Un altro dato che conferma un dominio che appare incontrastabile e inopinabile e che dimostra che, anche quando si parla di hobby e di puro passatempo, c’è un solo vincitore. Difficile spiegarsi perché. Probabilmente sarà per la semplicità di gioco. Tra le preferite degli utenti c’è, senza alcun dubbio, Book of Ra Deluxe, creata dalla Novomatic. Buoni i risultati di Trasures of Troy e Lucky Lady’s Charm. Ma ne esistono davvero tante tipologie, tutte differenti tra loro.

Le caratteristiche del giocatore medio di slot machine

Diventa lecito chiedersi e domandarsi quale sono le caratteristiche del giocatore medio di slot machine. Va detto innanzitutto detto che il tutto è equamente distribuito tra le varie fasce d’età con un picco maggiore in quella che va dai 25 ai 34 anni e dai 65 in su (19%). Le slot machine sono però un gioco generalmente amato e apprezzato da tutte le generazioni. Inoltre si può notare come inizino ad avvicinarsi al gioco d’azzardo anche le appartenenti al sesso femminile, che rappresentano il 37% del bacino d’utenza, una percentuale tutto sommato abbastanza interessante e da non sottovalutare. Chissà se crescerà in futuro. Spostandosi sull’analisi dei dati locali, è Milano la capitale del divertimento. La metropoli lombarda tocca il 17% e stacca Roma di ben 5 punti percentuali. Anche qua però si nota come il fenomeno sia assolutamente ben distribuito su tutto il territorio nazionale, da Nord a Sud, passando per le isole. A testimonianza di questo si può dire che Catania entra nelle top ten della speciale classifica delle giocate. Insomma, le slot machine spopolano. E tutto questo sembra non volersi arrestare. Anzi, tutto fa pensare all’esatto contrario. Le statistiche sono quindi pronte a essere aggiornate. In maniera positiva.